Tasmania: il Patrimonio dell'Umanità è in pericolo

In Tasmania, i millenari alberi giganti sono in pericolo di estinzione. Lo status di protezione di alcuni degli alberi più alti è in pericolo (photo: bishib70/Flickr) (© bishib70 / Flickr (CC BY-NC-ND 2.0))
132.641 firmatari

Fine dell'azione: 27 ott 2015

Le foreste della Tasmania sono la dimora degli alberi più alti del mondo. Con il suo paesaggio unico e i siti archeologici, quasi un quarto dell'isola è protetta dall'UNESCO. Ora il governo vuole tagliare 74,000 ettari ormai Patrimonio dell'Umanità. Per favore, scrivete al Ministro Abott perchè fermi questo progetto.

Lettera

CA: Sig. Tony Abbott, Primo Ministro australiano, Sig. Greg Hunt, Ministro dell'Ambiente

Chiediamo al nuovo governo australiano di astenersi dal togliere a 74.000 ettari di territorio della Tasmania lo status di Patrimonio Mondiale.

Leggi tutta la lettera

Le varietà montuose della Tasmania, i peasaggi carsici, le foreste temperate e le zone umide sono state dichiarate Patrimonio dell'Umanità oltre trent'anni fa. I suoi eucalipti giganti arrivano al cielo e la regione ospita specie endemiche minacciate come il diavolo della Tasmania. I siti archeologici sono di 30.000 anni fa, testimonianza delle prime prsenze umane della regione - definita Area Selvatica della Tasmania Patrimonio dell'Umanità.

Nel giugno del 2013, il precedente governo australiano aveva aumentato l'estensione del Patrimonio dell'UNESCO di altri 170,000 ettari per un totale di 1,58 milioni di ettari.

Il Primo Ministro Tony Abott vuole dare un taglio. Il Liberty Voice riferisce che durante una cena per operatori forestali, Abott ha dichiarato che l'Australia è "bloccata" nelle aree protette. Vede espandersi "l'ideologia verde" ed ha affermato che "l'ambiente è fatto per l'uomo".

Il Primo Ministro ha richiesto che 74.000 ettari dei siti Patrimonio dell'Umanità vengano svincolati al più presto. Dal suo punto di vista, questo diminuirebbe "i confini per le modifiche", interessando aree che precedentemente erano vincolate, pur non essendo meritevoli di protezione. Gli ambientalisti sono allarmati e sono profondamente contrari, asserendo che il 90% dell'area è costituita da una foresta primaria incontaminata.

Il 1° febbraio il governo ha presentato una richiesta al Comitato del Patrimonio Mondiale. Se la richiesta verrà accettata, non solo 18 dei 58 giganti eucalipti perderanno lo status di protezione, ma anche intere foreste e vallate.

Organizzazioni ambientaliste australiane stanno facendo il possibile per fermare il governo. Per favore, sostenete la loro posizione con la vostra firma.

Infor­mazioni

I paesaggi della Tasmania hanno una maestosa varietà. Le coste frastagliate, le foreste temperate e lussureggianti, le zone umide raggiungono le montagne scoscese. Le ere glaciali hanno creato vallate e gole attraverso le grandi catene alpine, mentre le regioni carsiche abbondano di grotte profonde. Le estese foreste ospitano numerose specie di eucalipti, icludendo oltre 100 alberi alti oltre 80 metri, alcuni dei più imponenti latifoglie del mondo.

I millenni che hanno separato la Tasmania dal continente australiano hanno dato luogo a numerose specie endemiche, molte delle quali sono nella Lista Rossa e quindi in pericolo di estinzione. Questi includono libellule, avvoltoi e gamberi, così come il diavolo della Tasmania.

I siti archeologici documentano insediamenti umani di 30.000 fino a 40.000 anni fa. La popolazione indigena della Tasmania ha vissuto completamente isolata per oltre 500 generazioni – più a lungo di qualsiasi popolazione.

Nel 1982, l'UNESCO ha dichiarato cira il 20% della Tasmania come Patrimonio dell'Umanità. La lista include 981 siti naturali e culturali, l' Area Selvatica della Tasmania Patrimonio dell'Umanità è solo una delle 29 che appartengono a entrambe le categorie.

In molte occasioni, lo status di Patrimonio dell'Umanità ha protetto l'ambiente da attività dannose. Nel 1983, la costruzione di dighe in due fiumi è stata fermata, così come la deforestazione in due vallate nel 1988 e nel 1989. L'UNESCO in più occasioni si è preoccupata di estendere lo status di Patrimonio dell'Umanità, in particolare perchè ha ritenuto che alcune foreste di eucalipto erano minacciate.

In diverse fasi, lo status di Patrimonio dell'Umanità è stato esteso a non meno di 1,58 milioni di ettari, includendo 170.000 ettari che sono stati aggiunti di recente, nel 2013. Di questi, 46.000 ettari sono già diventati parchi nazionali e le rimanenti aree sono sottoposte all'Accordo Forestale della Tasmania, una sorta di trattato di pace tra ambientalisti e l'industria forestale.

Grazie all'espansione del 2013, un corridoio di 10 km è protetto dall'UNESCO. Questo comprende 58 degli alberi più alti, e oltre 100 vivono nel parco.

Il nuovo governo australiano, ora vuole togliere a un'area di 74.000 ettari lo status di protezione, affermando che non è più una foresta primaria – e in alcuni casi una piantagione – e quindi non ha bisogno di uno status speciale.

Ambientalisti, come Bob Brown, non sono d'accordo. Quest'ultimo fa notare che solo il 6% dei 74.000 ettari sono stati tagliati nei ultimi 50 anni e il 90% sono ancora primari. Anche le aree di piantagione per un totale di 218 ettari, non dovrebbero essere tolti dalla lista.

Il governo ha sottoposto una richiesta al Comitato per il Patrimonio Mondiale dell'UNESCO e la decisione si raggiungerà nell'incontro del Comitato in Qatar, tra il 15 e il 25 di giugno.

Lettura

CA: Sig. Tony Abbott, Primo Ministro australiano, Sig. Greg Hunt, Ministro dell'Ambiente

Egregio Sig. Abbott, Egregio Sig. Hunt,

Il vostro governo vuole ridurre l'Area Selvatica della Tasmania Patrimonio dell'Umanità , di 74.000 ettari, togliendo a quest'area lo status di Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Questo metterebbe in pericolo la foresta di eucalipto della Tasmania, unica nel suo genere, dimora dei più alti latifoglie del mondo.

Considerando che lo status di Patrimonio dell'Umanità è stato esteso nel giugno del 2013 dal precedente governo, siamo preoccupati per questa decisione. Il vostro progetto è l'esempio di una politica ambientale retrograda e arbitraria che sta isolando l'Australia a livello internazionale, compromettendo gravemente la reputazione del vostro paese.

Per favore, rivedete questa politica dannosa e abbandonate il vostro progetto di togliere a vaste porzioni di territorio la protezione dell'UNESCO.

Distinti saluti