UNESCO: la deforestazione a Selous mette in pericolo i rinoceronti

Rinoceronte nero (Diceros bicornis) Vogliono costruire una diga proprio dove vive il rinoceronte nero. (© Fyre Mael/CCBY2.0)

9 lug 2018

Ci sono ancora alcuni rinoceronti neri nella riserva di Selous in Tanzania. Questa è la buona notizia. La cattiva notizia è che qui il governo vuole costruire una diga. Durante una riunione, l'UNESCO ha fatto riferimento alla petizione di Salviamo la Foresta ed ha rinnovato la richiesta di protezione per Selous, Patrimonio Mondiale.

L'abbattimento degli alberi in una delle foreste più lussureggianti della riserva di Selous causerebbe danni irreparabili, ha avvertito l'UNESCO durante l'incontro del Comitato del Patrimonio Mondiale in Bahrain. Il progetto della centrale idroelettrica che causerebbe la deforestazione nella gola di Stiegler è incompatibile con il suo status di sito patrimonio mondiale. Mai prima d’ora era successo che un governo volesse costruire una grande centrale idroelettrica nel mezzo di un'area protetta.

L'UNESCO ha deciso il 27 giugno 2018 di mantenere Selous nella lista del "Patrimonio mondiale in pericolo". La segreteria del comitato ha fatto esplicito riferimento alla petizione di Salviamo la Foresta nel motivare la sua decisione. La delegazione del governo della Tanzania era presente in quel momento ed è stata costretta ad ascoltare.

Un attivista di "Rivers without Boundaries Coalition" ha anche distribuito una copia della petizione durante la riunione della Commissione. "Il logo con il tucano di Salviamo la Foresta non può essere trascurato", ha affermato.

Poiché il governo della Tanzania non cede, continuiamo a raccogliere le firme  di tutti voi attraverso questa petizione. Se non lo avete già fatto, per favore aggiungete la vostra firma.