Chi siamo

Alcuni integranti di Salviamo la Foresta (Rettet den Regenwald e.V.) ad Amburgo Salviamo la foresta: la protezione dell'ambiente ha bisogno di molte mani operose e teste pensanti (© Patrick Sertore) Bulldozer nel Parco Nazionale del Cross River © Rettet den Regenwald / Mathias Rittgerott Protesta dei Dayak © SOB

Rettet den Regenwald e.V/Salviamo la Foresta si impegna per la protezione della foresta tropicale dalla metà degli anni '80. L'associazione no-profit e indipendente di Amburgo informa sui progetti che distruggono l’ambiente e organizza petizioni e manifestazioni. Inoltre, sostiene le organizzazioni partner locali e le comunità indigene nei loro territori. Il suo lavoro è sostenuto da donazioni.

 

È nelle nostre mani

Salviamo la Foresta ha ben chiaro il suo obiettivo: preservare le foreste tropicali di questa terra in quanto ecosistemi e habitat unici per l'uomo, gli animali e le piante. Le foreste tropicali hanno una grande influenza sul sistema climatico terrestre.

La situazione è drammatica. La salvaguardia delle foreste tropicali non tollera compromessi. Per questo motivo affrontiamo questioni scomode e chiediamo un'azione coerente e concreta.

Possiamo fermare la distruzione delle foreste pluviali se scopriamo gli interessi che vi stanno dietro, se informiamo, organizziamo petizioni, manifestazioni, e creiamo una rete di contatti tra gli interessati. Possiamo imparare dallo stile di vita delle popolazioni indigene come utilizzare e preservare le foreste tropicali in modo saggio.

Rafforzare i partner locali  

Le organizzazioni partner di Salviamo la Foresta sono presenti sul campo per identificare e svelare i piani di deforestazione il prima possibile. Aiutano le persone colpite a mobilitarsi e a far valere i propri diritti. Ovunque sia possibile, proteggono le aree o le bonificano per garantirne la permanenza a lungo termine insieme alle persone che vi abitano. Presentiamo alcuni dei nostri partner in modo più dettagliato nella sezione relativa alle donazioni per i nostri progetti

 

 Creare consapevolezza nel pubblico

Alla pagina salviamolaforesta.org (e nella rivista "Regenwald Report" al momento disponibile solo in tedesco), informiamo sui progetti, le intenzioni e le azioni di aziende e governi che hanno un impatto sulle foreste tropicali. Mostriamo le conseguenze organizziamo petizioni e campagne di informazione ed azione. Le nostre petizioni online sono sostenute da diverse centinaia di migliaia di sostenitori. La vostra solidarietà rafforza i nostri partner nei loro territori. Conoscete le nostre petizioni attuali? Informatevi qui 

Assicurare la conservazione della natura

Facciamo pressione su politici e governi. Le leggi e i regolamenti promulgati fino ad oggi hanno messo al muro la biodiversità e il clima. Abbiamo bisogno di nuove politiche e di modi diversi di concepire il profitto, gli affari e di vivere per ripristinare l'equilibrio naturale.

Trasparenza ed efficienza

Il lavoro di Salviamo la Foresta si basa su processi digitali e sul collegamento in rete per mantenere bassi i costi amministrativi. Tutte le entrate e le uscite sono pubblicate nelle relazioni annuali.

La trasparenza è molto importante per noi come organizzazione no-profit, per creare fiducia e rendere visibile il nostro lavoro al pubblico e ai nostri sostenitori. Per questo motivo, abbiamo aderito all'Iniziativa Transparente Zivilgesellschaft (ITZ). Ci asteniamo dalla certificazione, ad esempio per i sigilli delle donazioni, poiché questa è associata a costi elevati e queste istituzioni non esercitano una vera funzione di controllo. Rispondiamo direttamente e tempestivamente alle domande che non trovano risposta nel nostro rapporto annuale.

Ecco su cosa stiamo lavorando

La foresta tropicale è un ecosistema complesso. I nostri temi di interesse sono di conseguenza diversi e interconnessi.

Protezione del clima: le foreste pluviali e soprattutto le torbiere hanno una funzione importante per il clima mondiale. Possiamo contrastare la crisi climatica solo con grandi aree di foresta pluviale intatte.

Biodiversità / Diversità delle specie: la biodiversità è la base della vita sulla terra e allo stesso tempo è fortemente minacciata. La foresta pluviale è un hotspot di biodiversità che dobbiamo preservare.

Legno tropicale: nel commercio, parquet, porte, infissi e mobili da giardino in legno tropicale fanno ancora parte dell'assortimento. Solo una rinuncia coerente al legno tropicale può salvare le foreste pluviali.

Olio di palma: non comprate olio di palma? Forse non consapevolmente, ma la sostanza che sta distruggendo le foreste pluviali è ancora presente in molti prodotti di uso quotidiano.

Estrazione di materie prime: Oro, carbone, petrolio, rame, ferro, alluminio - l'elenco delle risorse minerarie della foresta pluviale è lungo. E più consumiamo, più le miniere scavano nelle foreste pluviali - e con esse la distruzione e l'inquinamento.

Biomassa/Bioenergia: l'elettricità e il riscaldamento ricavati dall'olio di palma, così come il bioetanolo e il biodiesel per i trasporti, non sono altro che energia da taglio, frode climatica e significano fame per milioni di persone.

Land grabbing: Stati, società e speculatori affittano enormi aree di terra in Africa, Sudamerica e Sudest asiatico per produrre cibo e agrocarburanti da esportare - una tragedia per le popolazioni locali e la natura.

Potete trovare altri contenuti e dettagli alla pagina sui nostri temi.

La foresta tropicale ha bisogno di voi!

  • Insieme salvaguardiamo l'habitat e la cultura delle popolazioni indigene.
  • Insieme proteggiamo animali in pericolo come oranghi, scimpanzé o uccelli del paradiso.
  • Insieme preserviamo ecosistemi unici.
  • Insieme rafforziamo gli attivisti nella resistenza pacifica per i loro territori.
  • Insieme protestiamo contro la distruzione perpetrata dalle aziende e dalla classe politica.
  • Insieme richiamiamo chi ha il potere di prendere decisioni ad assumersi le loro responsabilità e informiamo sulle conseguenze della distruzione della foresta tropicale.

Insieme siamo forti per la sopravvivenza delle foreste tropicali, per la biodiversità e per il clima.